giovedì 5 marzo 2020

Karakorum, inferno di rocce, paradiso di gemme e di cristalli

NUOVA PROPOSTA EDITORIALE DEDICATA AGLI AMANTI DELLA

MINERALOGIA E DELLA MONTAGNA

Cari Amici,
abbiamo il piacere di presentarvi in anteprima un nuovo libro di particolare interesse, frutto dei primi anni di lavoro e ricerca appassionata da parte di un esperto cercatore di minerali:
Karakorum, inferno di rocce, paradiso di gemme e di cristalli”.






 PER ORDINARE LE COPIE BASTA INVIARE UNA MAIL AL CURATORE EDITORIALE  marco.majrani@fastwebnet.it

Karakorum, inferno di rocce, paradiso di gemme e di cristalli

Copia numerata e firmata (500 copie stampate fuori commercio). Pag. 208, formato 30x24, copertina cartonata. Anche con dedica personalizzata a richiesta.
Costo Euro 40 euro comprese le spese postali per piego di libri ordinario, 43 euro se con spedizione raccomandata. Per acquisti oltre le 3 copie, spedizione gratuita per corriere espresso.

Richiedere fattura e/o ricevuta fornendo dati per la fatturazione.


Un’avventura tutta italiana nel Karakorum!
Dalle prime esplorazioni geografiche e scientifiche del Duca degli Abruzzi, documentate dalle splendide fotografie di ghiacciai e cime maestose di Vittorio Sella, alla conquista del K2 da parte di Ardito Desio e alle successive spedizioni fino ai giorni nostri.
In questo emozionante libro, Giuseppe Agozzino racconta le esplorazioni mineralogiche che, da pioniere, effettua negli anni '80, ripercorrendo le orme di questi illustri predecessori. Un racconto appassionante, un'avventura coronata da eccezionali e spettacolari ritrovamenti, veri gioielli della natura. In calce al volume, 30 tavole con esemplari mozzafiato ritrovati nella zona, topazi, smeraldi, tormaline, acquamarine...

Biografia dell'Autore, Giuseppe Agozzino

Nato a Nicosia, in Sicilia, il 28 giugno 1953, Giuseppe Agozzino dai primi anni della sua infanzia scopre che i minerali sarebbero stati la sua passione, come pure la curiosità di conoscere cosa si trovasse oltre i confini della sua vallata. Dall'età di 6 anni vive a Genova. Un grave incidente stradale non gli consentì di continuare gli studi universitari di biologia, ma nello stesso tempo gli permise di fare la conoscenza di un infermiere, noto collezionista genovese. La sua vita cambiò per sempre. Assiduo frequentatore delle biblioteche del capoluogo, molte delle sue avventure iniziarono proprio da quei banchi di lettura. Le sue ricerche lo portarono prima ad esplorare diverse località liguri famose per i ritrovamenti di granato e vesuvianite. Successivamente, dopo aver esplorato le Alpi per molti anni, si spostò nell'Isola d'Elba, terra ricca di minerali e conosciuta sin dall'antichità per le miniere di ferro e, dall'Ottocento, per gli splendidi campioni di tormalina varietà elbaite.
Appassionato ricercatore e soprattutto accanito lettore, durante le visite in biblioteca ritrova vecchie pubblicazioni che lo riportano nei luoghi della sua infanzia. In Sicilia si concentra nell'esplorazione di vecchie miniere alla ricerca di minerali di zolfo. L'incontro casuale con la lettura di un testo di Plinio il Vecchio lo sprona alla ricerca di giacimenti di agata e diaspro, ormai dimenticati, che avevano resa famosa la Sicilia, grazie alle splendide lavorazioni negli opifici di Firenze al tempo dei Medici.
La Spagna, la Svizzera e il Portogallo sono state le sue mete preferite fino a quando, nel 1981, grazie anche ai suggerimenti del Professor Ardito Desio, venne catturato dall'austera bellezza della regione del Karakorum ed iniziò l'esplorazione di quelle immense montagne.
In quegli stessi anni iniziarono anche le sue indagini in Congo e, più tardi in Mozambico. Negli ultimi anni anche il Madagascar si è aggiunto ai luoghi in cui svolgere ricerche.
L'esplorazione mineralogica legata al Karakorum lo ha avvicinato al mondo dell'alpinismo e dell'esplorazione a fini scientifici, risvegliando in lui il progetto avuto in comune con un caro amico della città di Skardu finalizzato alla ivulgazione delle bellezze geologico-mineralogiche di quelle terre esotiche, rendendo così omaggio a tutti coloro, religiosi, esploratori, scienziati, geografi e alpinisti che hanno già esplorato quelle terre lontane.
La curiosità e la ricerca sono stati e continuano ad essere ciò che ancora oggi lo accompagnano nel suo lavoro.

Prefazione libro "Karakorum" di Giuseppe Agozzino
Gli scienziati e gli esploratori italiani hanno sempre guardato alla regione dell’Himàlaya e del Karakorùm con particolare interesse, fin da epoche ormai lontane. In tempi più recenti, questi settori hanno suggerito un nuovo motivo per essere visitati con attenzione: la ricerca mineralogica. Come dice bene il titolo di questo libro, il Karakorùm è una zona aspra, impervia e difficile da percorrere, ostile alla vita e agli insediamenti umani: immensi ghiacciai, fiumi impetuosi, pendii franosi, montagne altissime e pericolose, grandi distanze da percorrere, un vero inferno di rocce!
Ma questa terra così aspra e complessa è anche un meraviglioso scrigno di tesori mineralogici che solo da pochi decenni stanno venendo alla luce, grazie all’iniziativa di personaggi come l’Autore di questo libro, Giuseppe Agozzino, che ci racconta ciò che visse in prima persona, a partire dai primi anni Ottanta del secolo scorso.
Quasi seguendo le orme e lo stile di Bruce Chatwin, Agozzino recupera i propri vecchi diari di viaggio, gli appunti, gli schizzi, scava nei suoi antichi ricordi, raccontandoci gli incontri con i locali e con altri cercatori, lo svilupparsi di rapporti di amicizia quasi fraterna con persone così lontane da noi per mentalità, cultura e interessi. Ne nasce così un libro da leggere tutto d’un fiato come un giallo, come un romanzo, ma anche un libro emozionante, da gustare con gli occhi, per i meravigliosi campioni che ci mostra, fotografati dai migliori esperti in questo campo.
Senza peraltro darsene vanto, Agozzino ci informa anche che grazie a lui e ad altri appassionati di mineralogia, oggi in Pakistan si è sviluppata una vera e propria industria finalizzata all’estrazione di campioni da collezione, un’industria artigiana che occupa decine di migliaia di persone, regalando benessere e dignità a tante famiglie e a tanti sperduti villaggi.
Conclude con un invito anche a chi si reca in queste regioni essenzialmente per seguire il proprio spirito di avventura, per scalare montagne o pareti inviolate. Invita gli alpinisti a volgere lo sguardo anche ai gioielli mineralogici che solo loro possono avere il privilegio di scoprire e di portare a valle. Solo valenti scalatori possono spingersi lungo le pareti più impervie e aprire gli scrigni più remoti, rendendoli così godibili anche a chi non sarebbe mai stato in grado di raggiungerli.
In altre parole, Agozzino suggerisce una nuova frontiera anche all’alpinismo, che forse si potrebbe definire ”alpinismo scientifico”: un’ipotesi da valutare con attenzione
Marco Majrani – Presidente della Commissione Scientifica “Giuseppe Nangeroni” del Club Alpino Italiano, Sezione di Milano


 Il volume descrive con aneddoti e racconti in prima persona lo sviluppo della ricerca di gemme e minerali nel Karakorum. Molti dei campioni raffigurati sono esemplari inediti, conservati in collezioni private in Italia e all’estero. Il grande formato, le moderne tecniche fotografiche utilizzate per le foto dei campioni e la raffinata veste editoriale lo classificheranno come un piccolo gioiello editoriale.

Per gli appassionati di alpinismo e di storia dell’esplorazione del Karakorum, questo libro permetterà inoltre di rivivere in una chiave diversa le grandi imprese di personaggi come Ardito Desio, Filippo De Filippi, Giotto Dainelli, Vittorio Sella, Mario e Guido Piacenza, affrontando il tema dell’esplorazione alpinistica e geologica secondo un originalissimo approccio.

Con profonda gratitudine per il sostegno e per la fiducia nella qualità del nostro lavoro

L’Autore Giuseppe Agozzino

PER ORDINARE LE COPIE BASTA INVIARE UNA MAIL AL CURATORE EDITORIALE  marco.majrani@fastwebnet.it


Si può anche cliccare direttamente su https://www.paypal.me/Majrani
per inviare denaro con paypal (è semplicissimo e sicurissimo
 

 PAGINE CAMPIONE E COPERTINA LIBRO (cliccate sulle foto per ingrandire)















PER ORDINARE LE COPIE BASTA INVIARE UNA MAIL AL CURATORE  EDITORIALE marco.majrani@fastwebnet.it 

e potete anche chiedere gli altri libri prodotti dai fratelli Majrani qui  https://scienzaviaggi.blogspot.com/ 

Nessun commento:

Posta un commento